Spesso durante, un viaggio, che sia per diletto o business, in Italia o all’estero, si rende necessario procedere al noleggio di un autoveicolo per i vari spostamenti.
Indipendentemente dalla motivazione sottesa è bene aver chiare le regole universalmente valide, applicate dalla quasi totalità delle compagnie, che regolano la fruizione di tale servizio.

Se infatti la prenotazione di un autoveicolo quasi sempre si risolve in un click, alto potrebbe essere il rischio di vedersi negata la consegna del mezzo, una volta presentatisi per il ritiro, se non sono soddisfatti tutti quei requisiti che in fase di prenotazione possono essere sfuggiti.

Vediamo di capire brevemente e schematicamente a cosa bisogna prestare attenzione per non avere sorprese!

(clicka sui box per espandere)

Età del conducente

Quanti anni ha chi noleggia? Sembra una domanda banale ma non lo è affatto, perchè se è vero che (mediamente) a 18 anni si può già evere in tasca la patente di guida, questo non vuol dire che per le compagnie di noleggio ciò sia sufficiente.

Molte di queste richiedono 21 anni o addirittura 25 anni per poter accedere al servizo ed in ogni caso con meno di 25 anni è molto probabile che venga richiesto un sovrapprezzo (normalmente legato al maggior rischio assicurativo conseguente alla possibile inesperienza dle conducente).

Purtroppo i limiti non finiscono qui: le compagnie normalmente rifiutano il noleggio anche a coloro che hanno compiuto i 65 anni di età (la motivazione è sempre legata al rischio assicurativo e sono rarissime le eccezioni).

Carta di credito

Il 99% delle compagnie di noleggio richiede INDEROGABILMENTE che il sottoscrittore del contratto ovvero colui per il quale è stata eseguita la prenotazione, sia titolare di una CARTA DI CREDITO, per potervi vincolare la cifra richiesta quale cauzione (vedi box successivo).

E qui è necessaria una precisiazione fondamentale : la carta di credito deve essere tale in senso stretto! Le compagnie NON ACCETTANO carte ricaricabili (che benchè appoggiate a circuiti VISA o MASTERCARD non sono carte di credito), carte di debito, carte prepagate, postepay e cose simili.

Nel caso si desiderino noleggiare mezzi di fascia alta (auto di lusso, SUV o supersportive per capirci) il noleggiatore potrebbe chiedere a garanzia anche più di una carta di credito.

Assicurazioni e Cauzione

Ogni veicolo noleggiato è normalmente coperto da vari tipi di assicurazioni, volte a limitare l’esborso del conducente qualora, colpevolmente o meno, il mezzo subisca dei danni o il furto. La quota che l’assicurazione non pagherà e sarà a carico del locatario è normalmente nota come scoperto.
Quasi sempre tali assicurazioni possono essere aumentate fino ad azzerare lo scoperto, integrando il prezzo.

La copertura assicurativa è fondamentale per determinare un’altro degli elementi contrattuali maggiormente rilevanti : il valore della cauzione.

Il noleggiatore richiede infatti che, tramite la propria carta di credito, il sottoscrittore del contratto lo autorizzi a vincolare una cifra che verrà addebitata solo in caso di danno/furto durante la locazione. L’importo di tale cauzione è inversamente proporzionale alla copertura assicurativa : tanto maggiore sarà la seconda, tanto minore sarà la prima, e viceversa.

Assicurazione e cauzione crescono entrambe invece in funzione del valore del mezzo noleggiato : è palese che le garanzie richieste per una 500 ed una Ferrari non possono essere le medesime!

L’importo della cauzione è una delle cosa importanti da ricordare e che va sempre verificata all’atto della richiesta di noleggio perchè, è altrettanto fondamentale ricordarlo, tale importo verrà vincolato sulla carta di credito e tale carta deve avere un plafond sufficientemente capiente per accettarlo.

L’impossibilità di vincolare la cauzione sulla carta di credito del sottoscrittore potrebbe portare il noleggatiore a negare l’uscita del mezzo, ovvero a pretendere un’estensione delle assicurazioni per abbattere l’importo della cauzione stessa.

Servizi inclusi e opzionali (Km, carburante, oneri e accessori)

Oltre a quanto già visto, sono molte altre le cose da sapere e controllare all’atto della sottoscrizione di un contratto di noleggio, che possono comportare variazioni anche significative di prezzo.

Vediamole in dettaglio :

  • Km inclusi. Nella maggioranza dei casi vengono proposti pacchetti con Km illimitati, ma non è sempre così. Talvolta, soprattutto in destinazioni particolarmente gettonate (per esempio Barcellona) o per periodi lunghi (più di 2 settimane), il noleggiatore pone dei limiti giornalieri oltre i quali viene addebitata a consuntivo una tariffa a Km che fa crescere il prezzo totale spesso in maniera considerevole. Qualora non si disponga di Km illimitati è importante pianificare opportunamente le proprie percorrenze per evitare sorprese a fine noleggio.
  • Politica del carburante. Normalmente l’auto viene consegnata con il serbatoio pieno e deve essere riportata nel medesimo stato, a pena dell’addebito del carburante mancante e dei relativi costi di gestione (tendenzialmente molto salati, ndr). Può capitare che il noleggiatore utilizzi anche la formula ritiro con il pieno e riconsegna vuoto, addebitando un pieno in fattura, ma è ovvio che non lo farà certo alla tariffa più conveniente.
  • Oneri aeroportuali o ferroviari. Purtroppo quando si noleggia un mezzo in un aeroporto o in una stazione ferroviaria il noleggiatore addebita una quota extra legata alla posizione favorevole ed ai maggiori costi che sostiene. Se tale quota non è già compresa nei costi elencati è sempre meglio farsela esplicitare perchè può essere considerevole.
  • Accessori. In taluni paesi, soprattutto durante il periodo invernale, alcuni equipaggiamenti obbligatori ma normalmente non presenti a bordo (per esempio le catene da neve) potrebbero essere conteggiate a parte infattura. Sempre meglio verificare anzitempo la cosa. Particolare attenzione va prestata anche qualora fossero necessari seggiolini per bambi o altri ausili (per esempio per il trasporto bici) : verificate sempre in anticipo qual è il costo perchè può variare molto tra una compagnia e l’altra.

A margine di quanto detto un paio di consigli che si spera possano essere utili per una scelta consapevole e vantaggiosa :

  • il confronto tra soluzioni di noleggio diverse è da farsi SEMPRE a parità di servizi, per avere una visione non distorta : eventuali modifiche successive ad un preventivo inizialmente più conveniente ma meno completo potrebbero azzerarne il risparmio (o peggio)
  • se non si ha la certezza assoluta dell’itinerario del proprio viaggio, preferire, se possibile, sempre soluzioni a Km illimitati : aiutano a vivere con maggior tranquillità l’eventuale vacanza e permettono la libertà di modificare gli itinerari anche all’ultimo minuto, senza il problema di eventuali maggiori (pesanti) addebiti a consuntivo
  • la soluzione pieno/pieno per la questione carburante è normalmente la più conveniente e quella che ci sentiamo di suggerire (sempre che sia disponibile, ovviamente)
  • per riempire il serbatoio prima della riconsegna è meglio farlo lontani dall’eventuale aeroporto o stazione perchè “l’ultimo distributore più vicino a destinazione” è sempre (ma proprio sempre!) il più caro… e anche facendo benzina o gasolio una decina di km prima l’indicatore resterà su pieno fino alla fine (d’altra parte anche i noleggiatori tendono a fare le stesso, ndr)
  • attentzione alle multe : nel malaugurato caso di trovarne una sul parabrezza o vedersela comminare in itinere, meglio sistemare subito perchè il noleggiatore a cui arriverà non farà altro che pagarla ed addebitare al malcapitato su quella famosa carta di credito data a garanzia l’importo le spese e tutto quello che avrà messo a contratto (e non è infrequente che una multa triplichi in un lampo…).

 

Buon noleggio!

Share This